on 01.30.2015
with

Per il secondo anno consecutivo l’azienda agricola dei fratelli Vincenzo e Pasquale Lapietra viene selezionata tra i migliori produttori mondiali i pomodoro per partecipare al Tomato Inspiration Evet di Berlino, all’interno di Fruit Logistica 2015. I 100 produttori di pomodori più innovativi al mondo si riuniranno giovedì 5 febbraio a Berlino, è un think tank per stimolare e stabilire contatti tra gli operatori più significativi con l’obiettivo di elevare sempre più il livello qualitativo dei prodotti. Questa seconda convocazione – spiega Vincenzo Lapietra – è una ulteriore conferma della bontà del lavoro che facciamo che, cosa che ci fa enormemente piacere, ci viene riconosciuta da tanti colleghi a livello internazionale con cui siamo venuti in contatto”.

A Berlino quindi, fianco a fianco con i big del settore, l’azienda monopolitana proporrà il proprio modello di gestione altamente tecnologico ma anche attento a valorizzare l’apporto umano nella produzione. “Confrontarsi con gli altri operatori – dice Pasquale Lapietra – è uno stimo sempre nuovo e sempre più forte a migliorarsi e crescere, non dimenticando mai i nostri obiettivi di qualità e di sostenibilità”. I due fratelli che hanno insediato l’azienda in contrada Stomazzelli dando un forte impulso alla coltivazione in fuori suolo di pomodori e cetrioli, competeranno per il titolo di miglior produttore dell’anno (Tomato Inspiration Award), vinto nell’edizione scorsa dall’azienda canadese Windset Farms, supportati dal tifo a distanza di famiglia e collaboratori.

on 12.15.2014
with

Sette anni dopo la Ghironda riabbraccia Monopoli. Ed è un ritorno in grande stile per la rassegna organizzata da IdeaShow, che domenica 21 dicembre (ore 20.15ingresso libero) presenta il gospel di Mike McCoy e del suo Voices United Gospel in un concerto molto atteso inCattedrale, appuntamento davvero speciale reso possibile, nell’ambito dell’ottava edizione del Ghironda Winter Festival, grazie al fondamentale sostegno di uno sponsor privato, i Fratelli Lapietra, e della Regione Puglia.

McCoy e il suo ensemble arrivano direttamente da Washington DC, anticipando di pochi giorni la loro esibizione all’auditorium Parco della Musica per il Roma Gospel Festival, diventato il più grande appuntamento in Europa riservato alla musica religiosa nero-americana.

Dunque, c’è anche la Puglia, in esclusiva per il Ghironda Winter Festival, tra le mete scelte da questa straordinaria formazione per celebrare il ventennale di attività con i suoi principali componenti, tuttipastoripredicatori ed evangelisti di varie chiese dell’aera metropolitana della capitale americana. Ed è proprio da Washington che McCoy e il suo ensemble partono nel 2006 alla conquista del Gospel Heritage Praise & Worship Choir Competition, preludio alla nomina, quattro anni dopo, agliStellar Awards, gli Oscar della musica gospel.  

Genere musicale ormai consolidato anche nel Vecchio Continente, il gospel possiede una grande capacità di coinvolgimento incentrata su unaforte impronta spirituale e una straordinaria carica gioiosa. E nonostante una lunga tradizione, ben radicata, questo genere continua a evolversi spaziando tra tendenze musicali diverse, dal soul al pop, dal rap allo r&b. In particolare, lo stile dello formazione di McCoy riprende i suoni della contemporaneità mantenendo, però, un forte legame con il passato in un’esplosione di gioia ed entusiasmo.

Non a caso, Mike McCoy ha avuto l'opportunità di lavorare con alcunigiganti della musica gospel, da Byron Cage a Kurt Carr, da Maurette Brown-Clark a Vickie Winans, imponendosi come uno dei principali custodi di un genere che con il disco «Continue to Continue», secondo album dell’ensemble guidato dal musicista di Washington, si riaggancia direttamente alle radici della grande esperienza musicale afro-americana.

on 12.04.2014
with

 

Nei giorni scorsi Vincenzo Lapietra è tornato dal Giappone con un gruppo di altri imprenditori locali. Qui, nella penisola di Honshu, a sud-est di Tokio, ha avuto modo di visitare una azienda agricola che fa coltivazione idroponica nelle campagne dell’antica città di Chiba. “Lo scambio di esperienze è sempre un momento che arricchisce chi fa impresa – spiega Lapietra – ed in ogni mio viaggio cerco di prendere contatto con altre aziende del mio settore per capire come cambiano, a latitudini e longitudini diverse, le dinamiche”. Nel paese del Sol Levante la sensazione “è di una popolazione attenta alle novità ma anche saldamente ancorata alle proprie tradizioni ed è molto accentuata la differenza tra i grandi centri abitati e le campagne”, una differenza che affascina e coinvolge il visitatore. In queste aree la coltivazione fuori suolo ha origini antiche: già durante la seconda guerra mondiale, infatti, la coltivazione idroponica sperimentata in California negli anni ’20 fu utilizzata per approvvigionare le truppe americane di istanza nell’arcipelago nipponico. Oggi l’idroponica giapponese è in linea con le tecnologie utilizzate a livello internazionale: “ho visitato una azienda, collegata come la nostra, alla storia di una famiglia nella quale ancora oggi il figlio (quasi mio coetaneo) lavora fianco a fianco con la madre che ne ha più di 80. E’ segno – racconta Lapietra – che il lavoro mantiene in salute se fatto con passione!”